Send to a friend Stampa
Indietro

I finalisti del Premio Canson® 2016

11 Maggio 2016

Scopri i 5 finalisti del Premio Canson 2016.

Dal 2013, il Premio Canson® fa parte di un desiderio di potenziare un premio riconosciuto a livello internazionale. Tale ambizione si incarna nella scelta di un presidente di grande fama internazionale, Tunga, e di una giuria di rinomati esperti che propongono candidati provenienti da molti paesi.

I 5 finalisti sono...

ruby onyinyechi amanze

Nigeria
Nata in Nigeria nel 1982
Vive e lavora a New York.

 

La pratica artistica di ruby onyinyechi amanze amanze è incentrata principalmente sul disegno. Le sue narrazioni grafiche, popolate di personaggi tratti dalla vita reale o dalla sfera immaginaria esplorano il gioco e l'ibridità culturale, su carta di grande formato. 


Bethany COLLINS

Stati Uniti​
Nata negli Stati Uniti nel 1984​
Vive e lavora a New York, Chicago e Atlanta

 

Bethany Collins è un artista multidisciplinare e concettuale il cui lavoro si basa sui materiali in aula - carta, gomme, matite in grafite, vecchi dizionari È rinomata per i grandi disegni bianchi sulle lavagne nere della scuola. 


Njideka Akunyili CROSBY

Nigeria
Nata in Nigeria nel 1983​
Vive e lavora a Los Angeles

 

Spesso basato su scene di interni intimi, in cui si può riconoscere la stessa artista o il marito, il complesso lavoro di sovrapposizioni di Njideka Akunyili Crosby rivela un'identità transculturale contemporanea. 


David SHRIGLEY

Regno Unito
Nato a Macclesfields, Scozia nel 1968​
Vive e lavora a Brighton, Inghilterra

 

Dopo aver terminato gli studi presso la Glasgow School of Art nel 1991, David Shrigley ha elaborato uno stile immediatamente riconoscibile con disegni di piccolo formato, in bianco e nero, dal tocco volutamente un po' maldestro e falsamente ingenuo, realizzati frettolosamente come si annota di getto un'idea su una pagina. 


Lucy SKAER

Regno Unito​
Nata a Cambridge, Regno Unito nel 1975

Vive e lavora a Glasgow

 

Lucy Skaer persegue una ricerca trasversale che combina il disegno, con la scultura o il film. Nelle sue installazioni multiformi, ogni opera a se stante esamina un aspetto diverso di un metodo di lavoro in cui gli oggetti e le immagini, sia reali sia astratte, vengono trasfigurati da ogni tipo di manipolazione, ripetizione e divario su scala.